Roberta Lerici attività per Rignano Flaminio e biografia

               Roberta Lerici

Dal 2010 responsabile politiche Infanzia e Famiglia Ufficio Uno IDV sen.Pedica, responsabile del Movimento per l'Infanzia per il Lazio. 


 

-       ATTIVITA’ SVOLTA DA ROBERTA LERICI DAL MESE DI NOVEMBRE 2006 COME RESPONSABILE DEI RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI DELL’ASSOCIAZIONE GENITORI RIGNANO FLAMINIO PRIMA DI USCIRNE NEL 2008 (CANDIDATURA AL SENATO) E PERSONALMENTE

 

-         Dal mese di ottobre 2006 al 25 gennaio

 

    2007, della grave situazione di Rignano

 

     Flaminio R. L. ha informato:

 

 

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE, MINISTERO PUBBLICA  ISTRUZIONE, MINISTERO DELLA SOLIDARIETA’ SOCIALE, MINISTERO PER LE PARI OPPORTUNITA’,  MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, MINISTERO DELL’INTERNO, CICLOPE, COMMISSIONE BICAMERALE INFANZIA, ITALIA  DEI VALORI, OSSERVATORIO PER LA TUTELA DEI MINORI, DIVERSI ASSESSORATI del COMUNE DI ROMA, PARLAMENTARI EUROPEI  Roberta Lerici ha incontrato: Il Capo Dipartimento Ministero Politiche per la Famiglia, dirigenti della Polizia di Stato, la senatrice Anna Serafini, presidente Commissione Bicamerale Infanzia, il Professor Luigi Cancrini  Vicepresidente Commissione Bicamerale Infanzia, l’Assessore alle politiche scolastiche della Regione Lazio  Silvia Costa, il presidente della Camera Fausto Bertinotti che ha ricevuto una delegazione di genitori di Rignano unitamente a genitori di altre città i cui figli sono stati vittime di pedofilia nella scuole materne.Ha contattato e richiesto informazioni sui progetti di prevenzione della pedofilia nella scuola alla dottoressa Maria Rosa Dominici (giudice Onorario del Tribunale dei Minori di Bologna e psicoterapeuta), al professor Federico Bianchi di Castelbianco, presidente dell’Istituto Italiano di Ortofonologia di Roma, al professor Cancrini. Ha raccolto documenti e informazioni contattando le principali associazione che si occupano di lotta e contrasto alla pedofilia. 

Per l’assistenza alle famiglie che non avevano ancora un avvocato, ha contattato grossi studi legali che offrissero assistenza gratuita. Attraverso gli stessi studi legali sono stati individuati consulenti di chiara fama che offrissero condizioni favorevoli alle famiglie che ne facessero richiesta.

Per il percorso di accertamento delle condizioni di salute psichica dei bambini e per le psicoterapie a loro necessarie, ha richiesto un interessamento della Regione Lazio.Proprio attraverso il dialogo con la Regione Lazio nella persona dell’assessore Silvia Costa, è nato nel mese di giugno 2007 il “Progetto per Rignano”. Una serie di tavoli interistituzionali per offrire aiuto alla comunità di Rignano Flaminio, così duramente colpita dall’indagine sulla pedofilia nella scuola materna. 

Ha chiesto alla Regione Lazio uno sportello di ascolto a disposizione delle famiglie che avessero bisogno del consiglio e del supporto psicologico di esperti. Uno psicologo è stato poi messo a disposizione anche nella scuola. Alcuni gruppi di genitori e docenti hanno seguito una serie di incontri con alcuni psicologi.

Nell’ambito del “Progetto per Rignano” è stato anche offerta dall’Ordine degli Psicologi del Lazio una tariffa sociale per i bambini di Rignano (i primi cinque incontri gratuiti, le successive terapie a tariffa speciale).

Nel mese di settembre ha richiesto un pulmino per accompagnare i bambini che erano stati iscritti a Calcata perché, per ovvie ragioni, non potevano essere iscritti nell’asilo di Rignano. In altri asili dei paesi limitrofi era stata rifiutata loro l’iscrizione.R.L. è anche occupata personalmente di trovare, per alcune famiglie, un asilo diverso da quello di Calcata. 

Dal mese di settembre 2007 fornisce aiuto e consigli anche a famiglie i cui bambini sono stati vittime di abusi in altre scuole d’Italia. Le richieste di aiuto che riceve sono soprattutto per assistenza legale gratuita, nei casi in cui non possano autonomamente accedere al gratuito patrocinio, o di psicoterapie a tariffe sociali. Dal momento che i bambini che hanno subito abusi devono essere curati per anni, spesso le famiglie non sono in grado di affrontarne la spesa. Il problema delle spese si pone anche per quei genitori che, per ragioni economiche, sono costretti a rinunciare a ricorrere in appello nei casi in cui ci sia stata una sentenza di assoluzione, ma i bambini risultino comunque affetti da trauma da abuso sessuale. 

 

DOCUMENTAZIONE PRODOTTA E INVIATA ALLE ISTITUZIONI

 

300 EMAIL INVIATE

Dopo studi approfonditi sulle problematiche legate all’abuso a scuola, sulle leggi, sui regolamenti interni e dopo aver consultato diversi avvocati, ha presentato alle Istituzioni 25 diversi dossier sui seguenti temi: “Situazione Scuola Olga Rovere Rignano Flaminio”, “Dossier sui casi di pedofilia nelle scuole materne” (L’IDV lo poi lo ha distribuito alla stampa). “Dossier su archiviazione caso scuola materna Ada Negri di Roma per indagine di pedofilia su due bidelli”.

E’ rimasta in contatto costante con il Ministero della Pubblica Istruzione e con l’Assessorato alla scuola della Regione Lazio per ottenere la Sospensione Cautelare delle insegnanti indagate e la rimozione della preside che tante polemiche aveva suscitato nella gestione dell’”Emergenza Rignano”. La  sospensione cautelare per le insegnanti indagate è arrivata nel mese di febbraio 2007. Poco tempo dopo,  il Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe  Fioroni, ha modificato diverse norme sulla scuola, inserendole nel pacchetto: “Norme Urgenti per la Scuola” la Circolare 72 del 19 dicembre 2006, nata per dirimere la questione Rignano.In questa circolare si specifica che devono essere sospese anche gli insegnanti anche solo "indagati" per reati gravi. (La Corte dei Conti, nel Rapporto del 2006, aveva rilevato come, nella scuola, le persone indagate o condannate per pedofilia, di fatto, restassero sempre a contatto con i bambini).

Nel mese di febbraio 2007 ha richiesto al Parlamento Europeo, dati sugli abusi nelle scuole degli altri stati. Ha raccolto il suo appello l’on. Cristiana Muscardini che ha presentato un’interrogazione scritta. Nel periodo di massimo interesse da parte dei media per il caso di Rignano Flaminio, nelle numerose interviste rilasciate sia ai quotidiani che alle televisioni, ha cercato sempre di trasmettere informazioni utili alla comprensione del fenomeno dell’abuso sui minori e delle problematiche legate alla loro tutela.

Nel mese di giugno 2007, con una delegazione composta da rappresentanti dell’Agerif, rappresentanti di onlus di contrasto alla pedofilia e genitori di altre città, ha incontrato il presidente della Camera Bertinotti a cui è stata chiesta la nomina del Garante dell’Infanzia e l’istituzione di una Superprocura Antipedofilia o, in alternativa, la costituzioni di uffici minorili specializzati nelle procure italiane. Il 23 aprile 2007, in un convegno a Boario Terme sulla Pedofilia organizzato dall’associazione Prometeo Onlus, è intervenuta con uno studio su “Gli abusi sessuali nelle scuole materne: tesi difensive e impatto nelle comunità”

Attualmente, attraverso il suo sito internet www.bambinicoraggiosi.com  informa sui vari aspetti che riguardano l’abuso sui minori, pubblicando documenti, sentenze e notizie sui moltissimi casi di cronaca che, ogni giorno,riempiono le pagine dei giornali.     

Nel mese di maggio 2008 è stata nominata    Responsabile delle politiche per l'infanzia e Stalking dell'Italia dei Valori. Collabora con il senatore Stefano Pedica per promuvere iniziative legislative e interventi che riguardano l'abuso sui minori, i processi per pedofilia e la pedofilia nelle scuole. L'ampia documentazione raccolta, permette di monitorare ed individuare eventuali carenze legislative o mancata applicazione delle leggi esistenti, in modo da sollecitare interventi istituzionali.

Nel giugno 2008 viene contattata da alcune mamme relativamente al divieto del parroco di Rignano Flaminio, don Enrico Rocchi, di celebrare le prime comunioni in altra parrocchia. Dopo alcuni articoli e l'intervento del vescovo di Civita Castellana,i bambini hanno potuto celebrare le prime comunioni a Sant'Oreste.

Nel mese di aprile 2008 è stata candidata al senato alle elezioni politiche.

 Nel 2009 è nominata responsabile per il Lazio del Movimento per l'Infanzia e collabora con il Presidente, avvocato Gerolamo Andrea Coffari per convegni, documentazione e iniziative a favore della tutela dell'infanzia sotto tutti i suoi aspetti.

Nel 2009 comincia ad occuparsi della sorte dei figli nelle separazioni conflittuali, con particolare attenzione ai casi dei figli indebitamente sottratti alle madrie affidati ai padri o collocati in casa famiglia.

Nell'ambito della sua attività con il Movimento per l'Infanzia aiuta con azioni concrete diverse madri in difficoltà, Dal mese di novembre 2009, insieme al coordinamento delle Donne IDV della Toscana, sostiene una modifica alla legge per l'affido condiviso che salvaguardi maggiormente i figli minori.

Nel mese di febbraio 2010 è stata canditata dall'Italia dei Valori alle Regionali del Lazio.

Oltre all'attività strettamente legata all'abuso all'infanzia, si è occupata anche dei temi che sull'infanzia hanno una forte ricaduta, come inceneritori, nucleare, salute, scuola, dissesto idrogeologico, edilizia scolastica e, per quello che riguarda le famiglie in difficoltà, ha seguito e segue fornendo informazioni personali a chi ne faccia richiesta, la legge per il Reddito Minimo Garantito.

Alcuni dati sul suo sito Bambini Coraggiosi e "bambinicoraggiosidue.blogspot.com"

Riforma Gelmini circa 500.000 visitatori unici agli articoli sul tema

Terremoto Abruzzo circa 220.000

Reddito Minimo circa 200.000 visite agli articoli in merito

Rignano Falminio circa 250.000 visite ai vari articoli pubblicati dopo giugno 2007 (nella fase di massimo interesse dei media, non curavo il blog)

Visitatori unici dei due blog in due anni e mezzo: 1.300.000

                       

                      Roberta Lerici

     (note biografiche)

Roberta Lerici autrice, traduttrice ed attrice.

Figlia del drammaturgo Roberto Lerici, inizia adolescente la sua carriera di attrice teatrale, recitando con Carmelo Bene in “Romeo e Giulietta”. (Festival D’automne- Parigi) Nella sua carriera, principalmente teatrale con rare incursioni nel cinema, lavora con: L. Proietti, U. Pagliai, P.Gassman, M.Carotenuto, D. Risi, Steno, C. Vanzina, A. Salines e molti altri. Nel 1986 partecipa al New York Shakespeare Festival di Jo Papp, nel 1992 al Festival de Las Artes di Cosè di Costa Rica, e nel 1994 al Festival de Teatro dell’Isla di Margarita. Dal 1989 si dedica anche alla drammaturgia e alla trasposizione italiana di commedie americane. Nel 1990 fonda insieme a F. Verdinelli (compositore) la Rag Doll Produzioni con la quale effettua numerose tournee in Italia e all’estero . Fra le produzioni principali: la  versione italiana del musical americano “Nunsense il musical delle suore” rappresentato per dieci anni in tutta Italia (dal 1990 al 2000). Di Nunsense è autrice dell’adattamento italiano della commedia e dei testi delle 23 canzoni presenti nello spettacolo. In seguito scrive 2 commedie musicali originali per il teatro: “Dracula, il musical”(1994)  ,The “Blues sisters” (2001). Firma poi i testi di due spettacoli innovativi con l’utilizzo di internet “Internet e Frammenti” (rappresentato dal 1996 al 1999) e “L’inferno” (1998)  da La Divina Commedia.

Dal 1996, all’attività di attrice e autrice, affianca quella di traduttrice e dialoghista di  film, telefilm, programmi televisivi e documentari stranieri con una sua società. Tra i più di mille programmi  Disney, Buena Vista, Discovery, Paramount , National Geographic, citiamo uno degli ultimi:

la versione italiana del film premio oscar ”Una verità scomoda” di Al Gore.

 

 

Due libri satirici pubblicati:

“Dimagrire pregando, guida al dimagrimento cattolico” (1990)

“Gli Uomini duri si raccontano da soli”(1989)