Rignano Flaminio: Scancarello e Del Meglio chiedono l'interrogatorio

 

rignano-asilo-dallalto

 

 Rignano, L'insegnante Del Meglio e il marito Scancarello vogliono chiarire alcuni aspetti al pm. Abusi, due indagati chiedono l'interrogatorio

RIGNANO I venti giorni dall'avviso di conclusione dell'inchiesta sono già trascorsi ma ci vorrà ancora un po' di tempo prima che la procura di Tivoli firmi la richiesta di rinvio a giudizio per gli abusi sessuali che venti bambini della scuola materna «Olga Rovere» di Rignano Flaminio avrebbero subito nell'anno scolastico 2005-06 (più un caso nel periodo 2001-02).

Due dei quattro indagati per i quali il pm Marco Mansi solleciterà il giudizio (per atti osceni, maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli, sequestro di persona, sottrazione di persone incapaci, violenza sessuale aggravata, atti sessuali con minorenne, corruzione di minorenne, violenza sessuale di gruppo e atti contrari alla pubblica decenza) hanno chiesto in questi giorni di essere interrogate: si tratta della maestra Patrizia Del Meglio e del marito, lo sceneggiatore tv Gianfranco Scancarello. L'atto istruttorio deve essere ancora concordato con i difensori della coppia, gli avvocati Franco Coppi e Roberto Borgogno, e così passerà ancora qualche settimana prima che l'intera vicenda approdi in udienza preliminare. Non hanno alcuna intenzione di farsi sentire, invece, le altre due maestre, Marisa Pucci e Silvana Magalotti, pronte a dimostrare in altra sede che la tesi della procura non ha assolutamente alcun fondamento.
Intanto le famiglie dei minori in queste settimane hanno potuto conoscere il contenuto delle ultime attività investigative svolte dai carabinieri l'estate scorsa quando, dalle parti di Rignano Flaminio, su ordine della Procura, fu decisa l'ispezione di un casolare all'apparenza abbandonato. Gli inquirenti sono convinti che anche lì, oltre che nelle abitazioni della Del Meglio e della Pucci, sarebbero avvenuti gli abusi sessuali ai danni dei piccoli. Quasi tutti i ragazzini interpellati hanno riconosciuto il posto dalle foto e «una volta condotti sul luogo - si evidenzia nell'informativa consegnata a Mansi - hanno dimostrato di avere una perfetta conoscenza degli stessi muovendosi al loro interno con disinvoltura e familiarita», nonché facendo da guida alla stessa consulente tecnica».

Il tempo  08/02/2009