Pedofilia, don Baresi ai domiciliari


(red.) Don Marco Baresi, vicerettore del seminario diocesiano di Brescia indagato per abusi sessuali su minore e detenzione di materiale pedo-pornografico  ha ottenuto gli arresti domiciliari.

Dopo una notte passata in isolamento nel carcere di Canton Mombello, ieri il sacerdote è stato interrogato dal gip Silvia Milesi che ha accolto la richiesta dei domiciliari avanzata dall'avvocato della difesa, Luigi Frattini.
Il prete 38enne, originario di Chiari, ha negato di aver avuto rapporti sessuali con il giovane, all'epoca dei fatti 14enne,  quando questi frequentava la scuola media nel seminario vescovile di via Bollani. Il sacerdote ha anche ribadito di non aver mai scaricato da Internet il materiale pedopornografico che sarebbe stato trovato sul suo computer.

Don Adriano Bianchi, portavoce della curia di Brescia, cerca di ridimensionare la vicnda: "Il caso si sgonfia, molte accuse sono evidentemente risultate non concrete", ha dichiarato alla stampa: "Don Marco è agli arresti domiciliari, ma non in Seminario. Non posso dire dove sia". Intanto le indagini proseguono.

 Qui Brescia 29 novembre 2007