Pedofilia, Parabita: la mamma che uccise la maestra sceglie il rito abbreviato. Ricostruzione del caso

di Roberta Lerici

Si è svolta l'udienza preliminare 

Verrà processata con rito abbraviato la mamma di Casarano che nel mese di novembre 2007 uccise con 16 coltellate la maestra Iolanda Provenzano di 76 anni e ferì gravmente il marito, Luigi Compagnone di 80 anni. Compagnone, presunto orco che avrebbe abusato del figlio di sette anni, è stato rinviato a giudizio  e verrà giudicato in autunno. Il processo per la mamma,  comincerà il 20 ottobre. Di questa ennesima storia di pedofilia abbiamo parlato anche su questo sito (in fondo tutti i link agli articoli). La maestra gestiva una scuola materna e di pomeriggio offriva un servizio di dopo scuola a casa sua.  

Secondo il racconto del bambino, il marito della maestre era solito portarlo al piano superiore dove poi ne avrebbe abusato. Il bambino è già stato ascoltato nei mesi scorsi in incidente probatorio. I suoi racconti, la descrizione dei luoghi e del tipo di abusi subiti, hanno portato al rinvio a giudizio di Compagnone, un sarto molto conosciuto in città. La mamma, che accecata dalla rabbia si presentò a casa della maestra dopo aver ascoltato i racconti shock di suo figlio, venne arrestata poco dopo il fatto in stato confusionale. In seguito,  le furono concessi i domiciliari. " Quella mano non accarezzarà più mio figlio", disse quando si rese conto di cosa era successo.

Articoli correlati:

“LA MANO CHE HA UCCISO NON ACCAREZZERÀ PIÙ MIO FIGLIO”

Omicidio Parabita: bimbo conferma gli abusi

Parabita. Materiale pedopornografico nel pc di Compagnone

Lecce - A RISCHIO LA TUTELA DEI DIRITTI DEI MINORI

OMICIDIO PARABITA:OTTO DONNE ACCUSANO IL SARTO

“Abusi su mio figlio” Uccide la maestra.