Violenze negli asili:indagini in due asili di Grosseto

 ASILO NIDO

17 febbraio 2016

Grosseto – Polizia e carabinieri di Grosseto stanno conducendo le indagini in merito a presunti maltrattamenti in due asili nido della città. L’inchiesta è partita dopo due esposti presentati su un asilo privato e su una struttura religiosa gestita da una cooperativa. Secondo quanto emerso i piccoli sarebbero stati legati al seggiolone e trattati un modo brusco in un caso, puniti in modo eccessivo e strattonati in un altro.

Accusa choc: Nostro figlio maltrattato all’asilo nido; Esposto dei genitori di un piccolo che frequenta una struttura privata: indagano i carabinieri, sentite le maestre. FONTE http://www.obiettivotre.com/ultima-ora/grosseto-denunciati-maltrattamenti-in-due-asili/

 Accusa choc: Nostro figlio maltrattato all’asilo nido; Esposto dei genitori di un piccolo che frequenta una struttura privata: indagano i carabinieri, sentite le maestre.

di Francesca Gori

GROSSETO. È una storia dai contorni ancora tutti da definire. Un’indagine delicatissima avviata dai carabinieri che per il momento mantengono la bocca chiusa sulle loro attività. Perché l’inchiesta riguarda un presunto caso di maltrattamento in un asilo nido della provincia di Grosseto.Tutto è cominciato la seconda settimana di febbraio con un esposto presentato dai genitori di un bambino che, a casa, aveva fatto capire a babbo e mamma di essere stato picchiato dalla maestra. «È brutta e cattiva», ha detto il piccino ai suoi genitori, prima di mimare il gesto delle botte ricevute sulle gambe.

I genitori, nell’esposto presentato ai carabinieri, hanno anche riportato altri dettagli che il bambino avrebbe fatto capire loro. Come quello di essere stato qualche volta spinto dalla maestra. I carabinieri hanno avviato immediatamente le indagini e hanno sequestrato alcuni quaderni che le maestre del nido, una struttura privata che si trova in un borgo della provincia, compilano ogni giorno, appuntando quello che succede durante le ore di permanenza dei piccoli nella struttura.Una struttura che accoglie pochi bambini che hanno da tre a trentadue mesi d’età. Bambini piccolissimi che, in alcuni casi, ancora non parlano.

È questa una delle difficoltà dei militari che hanno ascoltato tutti i genitori dei bimbi che frequentano il nido e che hanno sentito anche le maestre. Il bambino comunque sta bene e sulle sue gambe non ci sarebbero state comunque né ecchimosi e nemmeno escoriazioni. I genitori del bambino però non potevano non tenere conto di quello che aveva cercato di raccontare loro il figlio. E per questo hanno deciso di rivolgersi ai carabinieri che ora stanno portando avanti un’indagine delicatissima, che coinvolge i piccini, il personale della scuola e, naturalmente, le maestre.

Nei confronti di una sola di loro è stata ipotizzata l’accusata di maltrattamenti, anche se, al momento, i carabinieri hanno unicamente ricevuto la denuncia da parte di una sola coppia di genitori che hanno raccolto le parole di loro figlio, un bambino che ancora non ha compiuto tre anni d’età. Gli accertamenti andranno avanti anche nei prossimi giorni, proprio per chiarire quello che è successo nel piccolo asilo della provincia.

FONTE: http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2016/02/17/news/accusa-choc-nostro-figlio-maltrattato-all-asilo-nido-1.12973831