PAS, CONVEGNO A FIRENZE:BIGENITORIALITA' NON DEVE LEDERE IL MINORE

Di Roberta Lerici

Sabato 11 febbraio si è svolto a Firenze, presso la sede dell'Ordine dei Medici, il convegno organizzato dal Movimento per l'Infanzia, dalla dott.ssa Serenella Pignotti medico pediatra del Meyer e dal Comitato di Bioetica e con il patrocinio della Regione Toscana, " PAS, La “presunta” sindrome di alienazione parentale". Fra i tanti interventi di cui renderemo conto in seguito, mi preme sottolineare il contenuto dell'intervento dell'assessore al welfare Salvatore Allocca, il quale ha parlato di un problema da me molto spesso trattato, ovvero l'affido dei figli nelle separazioni conflittuali.

Tutti noi, infatti, riteniamo fondamentale per un bambino avere due genitori, ma quando vediamo affidare i figli a uomini che hanno già procedimenti penali per violenze, maltrattamenti o stalking sulla ex moglie, allora pensiamo che il principio di bigenitorialità venga interpretato come diritto del genitore ad avere comunque un figlio, anche se questo potrebbe mettere a rischio il minore.E' di oggi la sentenza di assoluzione di tre educatori che non interruppero gli incontri tra un padre e suo figlio, nonostante la ex moglie avesse già denunciato ai carabinieri l'uomo per violenze. In uno di questi incontri nei locali di un centro collegato ai servizi sociali di San Donato (Mi), l'uomo uccise il bambino e poi si suicidò.

Nessuno, quindi, è risultato responsabile della morte del bimbo.Ma è davvero così? Davvero un sistema che sospende la patria potestà ad una madre che si separa da un marito violento e che consente a quello stesso marito di trovarsi nella possibilità di uccidere il proprio figlio, ha svolto fino in fondo il proprio dovere? Davvero è sconosciuto ai vari operatori il tema della vendetta sulla ex moglie compiuta, però, sui figli? La discussione è aperta,sperando che si chiuda presto con una presa di coscienza da parte di tutte le istituzioni che quotidianamente si occupano di minori e conflitti familiari, altrimenti la strage di donne e bambini innocenti continuerà. Di seguito, l'articolo sull'intervento dell'assessore Allocca al convegno di Firenze.

Conflitti familiari, Allocca: “Al primo posto la tutela del minore”

FIRENZE – “Nella situazioni di conflitto familiare l’interesse da mettere al centro della tutela è quello del minore”. É intervenuto anche l’assessore al welfare Salvatore Allocca, stamattina presso la sede dell’Ordine dei Medici di Firenze, al convegno dal titolo ‘La “presunta” sindrome di alienazione parentale, PAS’, organizzato dal Movimento per l’Infanzia con il patrocinio della Regione.

La PAS, controversa disfunzione psichiatrica sarebbe una diagnosi che entra nelle perizie per l’affidamento dei minori, nei casi di separazione e divorzi conflittuali Una sindrome che buona parte della comunità scientifica non riconosce come disturbo psicopatologico e che non è mai stata inserita nel DSM ovvero il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali L’assessore Allocca ha dapprima illustrato brevemente i risultati dell’ultimo Rapporto sulla violenza di genere commentando che “l’aumento del numero di donne che si sono rivolte ai Centri Antiviolenza è interpretabile da un lato in senso positivo, come abbattimento graduale della barriera informativa e culturale rispetto alla possibilità e volontà di condividere con qualcuno il disagio e lo stato di bisogno, e dall’altro come segnale che il fenomeno è in aumento”.

L’assessore ha poi spiegato che “è ancora troppo basso il numero di donne che decidono di denunciare. La cappa di silenzio che ancora avvolge questa triste realtà non accenna a dissolversi. Il dato del Rapporto è tuttavia una rappresentazione per nulla esaustiva del fenomeno”. Allocca ha quindi spiegato che violenza di genere e PAS sono due fenomeni strettamente correlati, perchè le violenze familiari non si interrompono nel momento in cui la donna decide di separarsi. “Al contrario, se ci sono figli la violenza può assumere forme svariate, e paradossalmente ‘legalizzate’. La recente riforma del diritto di famiglia del 2006, sull’affido condiviso introduce il principio di bigenitorialità, principio che tutti riteniamo di grande valore ma che andrebbe applicato sempre tenendo in massima considerazione l’interesse superiore del minore.

Invece – spiega l’assessore – arriviamo a situazioni al limite del paradosso per cui in base al principio, che diventa quasi più un diritto del genitore piuttosto che del minore, il genitore che ha in corso un procedimento penale per molestie, stalking, violenza, maltrattamenti sia all’interno che all’esterno del nucleo familiare, può tranquillamente diventare genitore affidatario”. Allocca ha quindi ricordato che all’interno delle nuove proposte di riforma del diritto di famiglia attualmente in discussione al senato c’è il tentativo di introdurre la PAS. “Non voglio entrare nel merito di un tema medico-scientifico ma pongo questa riflessione: come può una presunta sindrome, non riconosciuta dalla comunità scientifica, essere introdotta attraverso una legge nel nostro ordinamento? Respingerei l’equivalenza di chi, opponendosi alla PAS, si oppone al principio di bigenitorialità.

Credo che comunità scientifica ed operatori del diritto si stiano ponendo il problema della non applicabilità a situazioni complesse, come in caso di alta litigiosità dei coniugi, di una soluzione semplice o meglio, semplicistica, come appunto la PAS, peraltro considerata ‘scienza spazzatura’. Come già accaduto in altri paesi europei, che sulla PAS hanno fatto un passo indietro”. Allocca ha perciò concluso il proprio intervento auspicando che venga fatta chiarezza su questi argomenti. “Un compito che rientra tra le prerogative di operatori ed istituzioni. Non esistono argomenti tabù, per i quali è limitata la discussione in nome di un’ideologia o di un falso mito, poichè la riforma del diritto di famiglia interessa tutta la società e non soltanto gli addetti ai lavori, spesso portatori di istanze che poco hanno a che fare con quel principio di interesse superiore che la convenzione internazionale attribuisce al minore”.

Federico Tavernitihttp://toscana-notizie.it/blog/2012/02/11/conflitti-familiari-allocca-%E2%80%9Cal-primo-posto-la-tutela-del-minore%E2%80%9D/