Scuola, "Sei il più lento della classe" la maestra lo fa inginocchiare

 

"Sei il più lento della classe" la maestra lo fa inginocchiare La denuncia choc dei genitori di un bambino di 7 anni ad Ostuni: l'insegnante lo avrebbe punito così per aver finito per ultimo un compito di matematica.

L'episodio risale al 3 ottobre scorso, ma i genitori hanno presentato l'esposto solo due giorni fa: la polizia li ha convocati per domani "Sei il più lento della classe" la maestra lo fa inginocchiare Avrebbe umiliato un bambino che aveva concluso per ultimo il compito in classe di matematica facendolo inginocchiare prima davanti ai suoi coetanei di un'altra classe e poi nei corridoi della scuola, facendogli dire ad alta voce "Io sono il piu' lento della classe": per questa ragione una maestra di una scuola elementare di Ostuni, nel Brindisino, è stata denunciata dai genitori dell'alunno.

L'episodio è avvenuto il 3 ottobre scorso. I genitori del bambino, di 7 anni e mezzo, dopo aver visto tornare il lacrime il figlio, che frequenta la terza elementare, ed aver saputo che cosa era accaduto, hanno deciso due giorni fa di presentare denuncia al commissariato di pubblica sicurezza di Ostuni. La mattina del 3 ottobre, secondo la denuncia, la maestra è entrata in classe e ha fatto fare ai bambini una gara di velocità nella scrittura dei numeri. Chi arrivava per ultimo - li aveva avvisati - sarebbe stato punito. Scaduto il termine assegnato per eseguire il compito, la maestra - hanno denunciato i genitori - aveva individuato il piccolo che non era riuscito a concludere il compito, lo aveva portato nella classe attigua e, dinanzi ad un'altra maestra e ad un'altra classe, lo aveva costretto ad inginocchiarsi e a dire a tutti che lui era il più lento della sua classe.

L'insegnante avrebbe poi portato il piccolo in un'altra classe dove l'alunno, però, piangendo, si era rifiutato di ripetere la scena. La maestra avrebbe quindi poi trascinato il bambino nel corridoio dove, davanti al segretario della scuola, lo avrebbe fatto nuovamente inginocchiare facendogli ripetere che lui era il più lento della classe. Il funzionario - secondo quanto riporta il quotidiano - avrebbe risposto: "Per questa volta sei perdonato, la prossima volta cerca di essere più veloce, anche perchè hai fatto ritardare la classe ad uscire".

Saranno ora gli investigatori e la magistratura a verificare i contenuti della denuncia presentata dai genitori del piccolo. Gli agenti del commissariato di Ostuni, guidati dal dirigente Francesco Angiulli, ascolteranno domani la mamma e il papà del bimbo di sette anni. Da chiarire c'è, ad esempio, la circostanza che la denuncia è stata presentata in commissariato solo il 12 dicembre scorso, circa due mesi dopo il presunto episodio di maltrattamenti. Il bimbo nel frattempo è stato trasferito in un altro circolo didattico. Il dirigente scolastico del circolo didattico nel quale sarebbe accaduto l'episodio ha invece riferito che per lui il presunto caso era già stato chiarito dopo un incontro tra la maestra e i genitori. Una circostanza che lo aveva indotto a non adottare alcun provvedimento. (la repubblica 14 dicembre 2011)