Rifiuti: Pedica (Idv), dopo Alemanno e Polverini, ora anche Zingaretti sbaglia

 

 Comunicato stampa del sen. Stefano Pedica sulla manifestazione Rifiuti zero, del 19 novembre 2011

Sono al fianco dei cittadini di Riano, Corcolle e al Comitato Rifiuti Zero, che oggi sono scesi in piazza contro la politica sui rifiuti attuata nel Lazio. Non è possibile, infatti, pensare di risolvere il problema spostando i rifiuti da una parte all'altra della regione attraverso l'apertura di nuove discariche che avvelenano la terra e inceneritori che causano gravissimi danni alla salute, mentre Roma continua a produrre tonnellate di rifiuti indifferenziati. Serve un progetto fatto di occupazione e rilancio della differenziata porta a porta, ma pare che il comune di Roma e la Regione non siano in grado di attuare i progetti a lungo termine che sarebbero necessari.

Al contrario, abbiamo visto studi della Regione in cui le distanze fra le abitazioni e i siti individuati per le nuove discariche erano palesemente falsate, abbiamo visto le falde acquifere sportarsi e abbassarsi di livello come per magia, abbiamo visto un copia-incolla del progetto presentato da Cerroni per Quadro Alto spacciato come studio della regione lungo un anno. Ora ci si mette anche l'amico Zingaretti che, attraverso una lettera aperta a Repubblica, consiglia di accantonare Riano- Quadro Alto, scegliendo invece Pian dell'Olmo. Peccato che sia Quadro Alto che Pian dell'Olmo si trovino entrambi in "via Pian dell'Olmo", e che a metà strada cambia comune: da Riano diventa Comune di Roma. Una presa in giro.