Baressa, bimba contesa: il web si mobilita per la bimba tolta alla mamma

Da 19 giorni la mamma non ha più avuto contatti con la bambina.Partita la petizione online.

 

Era il 3 luglio quando, su decreto del Tribunale di Viterbo la piccola veniva prelevata con l’ausilio delle forze dell’ordine nella cittadina di Baressa, in provincia di Sassari. Quel decreto prevedeva anche una serie di incontri protetti da calendarizzare successivamente ma sembrerebbe che ancora nessun appuntamento sia stato fissato.

Nel frattempo sui social è cresciuto il supporto a questa mamma che tutte le certificazioni hanno ritenuta idonea a fare la mamma.Ma soprattutto è cresciuto l’affetto per questa bambina che si è vista strappare via al suo massimo punto di riferimento affettivo e non avrà capito il motivo di un gesto tanto crudele.

Grosseto, maltrattamenti all'asilo: arrestate tre maestre.Video choc

GUARDA IL VIDEO 

OLTRE ALLE TRE MAESTRE ARRESTATE CI SONO ALTRE TRE INDAGATE

Grosseto, 11 aprile 2016 - La prova dei maltrattamenti avvenuti in un asilo nido privato a Grosseto per i quali tre maestre - Azzurra Marzocchi, 40 anni, Lisa Marconcini, 32 anni, e Pierina Tinti, 50 anni - sono ora agli arresti domiciliari da sabato scorso, sarebbe in alcuni filmati.  Buffetti, strattoni, insulti e violenze per costringerli a mangiare: le registrazioni in mano agli inquirenti, che da un anno indagano sulla vicenda, inchioderebbero quelle tre insegnanti.

Le videocamere nascoste installate dagli inquirenti, che per 40 giorni hanno 'osservato' l'interno dell'edificio, avrebbero registrato anche immagini di alcuni bambini abbandonati per alcuni minuti, da soli, nel corridoio fuori dall'aula o nella sala dormitorio al buio. Sono escluse invece lesioni nei confronti dei bambini. Per questi episodi sono state indagate le due titolari e le quattro educatrici dell'asilo: tre delle indagate sono ai domiciliari mentre per altre si configurerebbero responsabilità minori.

Grado, maltrattamenti all’asilo: indagini chiuse sulla maestra che picchiava e umiliava i bimbi

 

Il caso è esploso nel 2013. Le accuse parlano di percosse, umiliazioni e mortificazioni verso quattro bambini. Nella struttura comunale «costretti a mangiare il cibo raccolto per terra»

di Laura Borsani GRADO. Concluse le indagini preliminari, in relazione ai maltrattamenti nei confronti di alcuni bambini frequentanti la Scuola per l’infanzia “Monsignor Silvano Fain” di Grado, gestita dal Comune dell’Isola. Indagata la maestra Gilda Brandalise, 56 anni, residente a Gradisca d’Isonzo. La donna è accusata di maltrattamenti continuati ai danni dei piccoli (articolo 572 e 81 del Codice di procedura penale).

Si tratta di bambini tra i 3 e i 5 anni, che, secondo la pubblica accusa rappresentata dal Pubblico ministero Laura Collini, del Tribunale di Gorizia, sono rimasti vittime dei maltrattamenti. Azioni ripetute e pesanti a danno dei piccoli, sottoposti all’autorità dell’insegnante e affidatigli per ragioni di cura, vigilanza e custodia. Il periodo di indagine riguarda gli anni scolastici 2012-2013 e 2013-2014.

LEGGI ANCHE:

Bimbi maltrattati nella mensa dell’asilo maestra interrogata Indagine partita in seguito alla denuncia di una madre ai carabinieri. Una segnalazione è stata inviata alla Procura

Roberta Ragusa: Annullata Assoluzione Antonio Logli

 

 

18 marzo 2016 

Una notizia molto attesa sulla scomparsa di Roberta Ragusa. E' appena stata annullata la sentenza di assoluzione di Antonio Logli

Una notizia di pochi minuti fa e che ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai tanti che si erano detti indignati quando Antonio Logli era stato prosciolto durante le indagini preliminari per la scomparsa della moglie Roberta Ragusa. Antonio Logli dovrà quindi affrontare il processo per l’omicidio e la distruzione del cadavere di Roberta.

 Per la Procura il gup «ha esorbitato dai suoi poteri, procedendo ad una valutazione di merito del materiale probatorio acquisito e così esprimendo un giudizio di colpevolezza dell’imputato, anziché limitarsi a valutare se gli elementi acquisiti risultino insufficienti, contraddittori o comunque non idonei a sostenere l’accusa in giudizio». Non solo. Per la Procura il giudice ha «omesso una valutazione globale del compendio indiziario, limitandosi ad un’analisi meramente parcellizzata e atomistica degli indizi, nonché omettendo, anche a causa di tale metodo errato, di verificare se le fonti di prova si prestassero a soluzioni alternative e aperte».

Antonio Logli aveva colpito tutti con il sorrisetto beffardo subito dopo la sentenza del 6 Marzo scorso, anche oggi sorriderà?

 http://www.leggilo.net/172947/roberta-ragusa-annullata-assoluzione-antonio-logli.html?refresh_ce

LATINA, ALUNNI PICCHIATI E UMILIATI: SOSPESE DUE MAESTRE.LE FRASI SHOCK

Alunni picchiati e umiliati alla scuola materna, sospese due maestre di Latina

"cretino, puzzolente, non ti voglio vedere più, sei un balordo, fai schifo, farai una brutta fine, sei un criminale, te li faccio passare io ’sti tic nervosi, scemo. Che principe sei, il principe fetenzia, sei uno zozzo lurido che fa schifo, la prossima volta ti metto alla gogna".

Due maestre della scuola di piazza Dante sono state allontanate dal servizio con l’accusa di aver maltrattato alcuni bambini. La polizia, al termine di complesse indagini, ha eseguito l’Ordinanza Dispositiva di Misura Cautelare emessa dal gip del tribunale di Latina.Il provvedimento dispone “la misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio o servizio, con divieto temporaneo di esercitare l’attività di maestra/educatrice presso le scuole d’infanzia per 12 mesi” si legge in una nota della Questura. Il divieto durerà 12 mesi. Gli episodi sarebbero avvenuti in una scuola dell’Infanzia di Latina.

Condividi contenuti