FEMMINICIDIO E VIOLENZA, IDV PRESENTA DISEGNO DI LEGGE PER CERTEZZA DELLA PENA.ANCHE LE VITTIME IN SENATO

 

 (Rossana Jane Wade, uccisa a 19 anni dal fidanzato)

10 MARZO ORE 16 SALA STAMPA SENATO

Giungeranno in Senato, da diverse parti d'Italia, le mamme e i parenti delle donne uccise dai loro compagni, ma anche alcune delle donne miracolosamente sopravvissute alla furia cieca dei loro mariti o ex mariti. Attendono da tempo che la politica si occupi di loro, prevedendo una pena certa per i carnefici delle loro figlie o sorelle.

Il senatore Stefano Pedica, facendosi portavoce delle loro istanze, presenterà un disegno di legge i cui cardini sono la certezza e l'inasprimento della pena per i reati di omicidio volontario, omicidio aggravato dalla presenza di vincoli familiari o rapporti affettivi (anche conclusi) e omicidio premeditato.

Tra coloro che saranno presenti il 10 al senato: Clementina Ianniello mamma di Veronica Abbate, uccisa il 03/09/2006 all’età di 19 anni dal suo ex fidanzato Mario Beatrice, con un colpo d’arma da fuoco sparatole alla nuca, a bruciapelo e di spalle; in appello il suo assassino è stato condannato a 18 anni, la sentenza è stata annullata con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello di Napoli.La condanna definitiva è stata di 22 anni.

Letizia Lopez sorella di Rosaria Lopez violentata ripetutamente ed assassinata il 01/10/1975 nella c.d. strage del Circeo da Gianni Guido e Angelo Izzo; il primo dopo appena 5 anni è fuori, il secondo, uscito per un permesso è stato condannato ad un ergastolo per aver ucciso altre due donne, dopo Rosaria.

Letizia Marcantonio madre di Rosanna Jane Wade , uccisa a 19 anni da Alex Maggiolini; è stata strangolata, strozzata ed il suo cadavere è stato occultato; lui è stato condannato a 23 anni ma è uscito dal carcere dopo soli 12 anni. Filomena Di Gennaro sopravvissuta al suo carnefice Marcello Monaco ma costretta su una sedia a rotelle a causa dei danni provocati dai ripetuti colpi d’arma da fuoco con cui è stata attinta; lui è stato condannato a 11 anni e 4 mesi di reclusione ma trascorrerà in carcere effettivamente 5 anni e 4 mesi. Angela Di Natale madre di Nunzia Castellano accoltellata a morte il 14/11/2003 da Luca Carafa; il suo assassino è stato condannato a 16 anni e 8 mesi di reclusione, ma ha scontato in carcere solo 10 anni.

Rosa Multari, mamma di Antonella uccisa da Luca Delfino, recentemente assolto per insufficienza di prove dall'accusa di aver ucciso un'altra delle sue fidanzate, Luciana Biggi. Alfonso Frassanito, papà di Carmela, violentata e morta suicida a 13 anni, si batte affinchè i violentatori di sua figlia siano processati e condannati.

Alla conferenza stampa interverranno anche Roberta Lerici, responsabile area infanzia e famiglia IDV e Valentina Pappacena, Responsabile Donne Idv di Latina.

Tra le presenze annunciate anche quella dell'avvocato di Marinella Colombo, Laura Cossar e di Marta Crotti. Marinella Colombo è stata arrestata per la terza volta pochi giorni fa per sottrazione di minori e maltrattamenti psicologici sui figli.I due bambini sono stati riconsegnati ieri e ora si trovano in una casa famiglia.La Colombo, dopo che la giustizia tedesca aveva affidato i due figli al padre in via esclusiva, non aveva più potuto vederli per un anno.Adesso da vittima, è diventata imputata e dovrà difendersi dalle accuse che le vengono mosse sia in Germania che in Italia, mentre che una madre non veda i figli per un anno, pare non interessi alla giustizia.

Marta Crotti, invece, si è battuta perchè il suo ex marito, condannato in via definitiva per abusi sulla figlia, venisse trovato e scontasse la condanna.C'è riuscita la trasmissione "Chi l'ha visto", che lo ha scovato in Inghilterra nel 2010.

Autore Roberta Lerici- www.bambinicoraggiosi.com 7 marzo 2011