PEDOFILIA, CONDANNATO MAESTRO DI MUSICA DI VILLA CASTELLI (BR)

 

Quattro anni al maestro di musica di Villa Castelli (Brindisi) per aver molestato l'allieva di 7 anni

BRINDISI - Una bimba di sette anni oggetto delle «attenzioni» del suo maestro di musica. La storia è accaduta a Villa Castelli un paio di anni fa e si è conclusa nei giorni scorsi: quattro anni di carcere con il rito abbreviato a B. L. F., professore di musica, originario del comune del Brindisino. La settimana passata, il docente, difeso dall’avv. Cosimo Deleonardis è comparso dinanzi al giudice per le indagini preliminari Paola Liaci per rispondere dell’episodio.

Ed ha chiesto il rito abbreviato per non affrontare il processo. La brutta storia risale al 2007. L’uomo viene arrestato il 16 novembre. Il provvedimento è emesso dal giudice per le indagini preliminari Alcide Maritati. Le prove non si fondano solo sul racconto della piccola alunna, gli uomini del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Francavilla Fontana (coordinati dal pm Milto De Nozza), infatti, nel corso delle indagini, riescono a far emergere anche altro che lo inchioda.

Al maestro di musica, persona che gode di un certo prestigio nel piccolo centro del Brindisino, il magistrato concede gli arresti domiciliari. Ma per tornare libero dovrà trascorrere un anno. La piccola agli uomini dell’Arma e al magistrato racconta che il maestro la toccava e la costringeva a guardare film porno. Spaventata e sconvolta non fiata.

Subisce quelle attenzioni morbose. Alla fine, però, crolla. Si confida con una cugina che avverte i genitori. Non ci vuole molto ai carabinieri per stringere il cerchio attorno all’uomo: la perquisizione nella sua abitazione permette la scoperta di materiale pornografico. Per l’accusa, è la conferma. Tra le videocassette anche i film di cui la bimba aveva raccontato tanti particolari.

fonte