SCUOLE SPORCHE: LA LETTERE DI UN GENITORE DI COLLEFIORITO DI GUIDONIA

 NOTE DI ROBERTA LERICI

Qualche mese fa alcuni genitori della scuola elementare dell'Istituto Comprensivo Olga Rovere di Rignano Flaminio hanno denunciato la sporcizia cronica della scuola, segnalando che la ditta che ha in appalto le pulizie, non pulisce affatto. Dopo la segnalazione al dirigente scolastico, all'Ufficio Scolastico Regionale, gli articoli, le lettera alla ASL e al comune, la situazione è rimasta invariata.L'anno scolastico terminerà nella sporcizia così come era cominciato, nell'assoluta indifferenza degli organi preposti.A Collefiorito di Guidonia, almeno, il comune ha organizzato una pulizia straordinaria.A Rignano, invece, si è limitato a rispondere che la pulizia della scuola non è di sua competenza.

In realtà, sono anni che le responsabilità si rimpallano da una parte all'altra con l'unico risultato che per sapere se piove o c'è il sole, i bambini devono aprire le finestre, in quanto i vetri sono talmente sporchi che non si vede attraverso. Grazie a tutti per l'interesse dimostrato nei confronti dei bambini e, mi raccomando, lasciamo tutto così com'è anche l'anno prossimo, altrimenti si avrebbero generazioni più "avvantaggiate" di altre... Ecco la lettera al MESSAGGERO del genitore della scuola elementare di Collefiorito di Guidonia:

Spettabile redazione, volevo denunciare un fatto increscioso e che alle soglie del 2010 la storia rende ancora più forte tale evento. Volevo raccontarvi quanto segue anche perché tra meno di una settimana si prevede una nuova replica dei fatti in quanto il comune ha immediatamente provveduto grazie all’intervento dell’Assessore Di Palma, con l’ausilio dell’Avvocato Sassano a far intervenire una ditta del comune per le pulizie straordinarie, effettuate ieri pomeriggio da una ditta del comune di Guidonia Montecelio. La scuola interessata è la scuola elementare di Collefiorito i fatti sono i seguenti: ieri mattina le rappresentanti delle classi seconde sono state convocate dalle maestre per verificare di persona la situazione assolutamente pessima delle aule e dei corridoi.

Polvere sugli armadietti carte per terra macchie nere e quant' altro. nel contempo veniva effettuato un rapido giro per le altre aule e gli altri corridoi dove la situazione era anche peggiore. Le rappresentanti di classe decidono che l' indomani, cioè oggi, prima di fare entrare i bambini procederanno ad un controllo. stamane dopo il controllo delle rappresentanti, che hanno verificato, un ulteriore peggioramento una buona parte della scuola decide di non entrare. Vengono convocati i carabinieri che procedono all' accertamento e stilano un verbale, arriva anche un membro dell' ufficio di igiene che provvede anche lui a stilare un verbale. La ditta che ha l'appalto per le pulizie, la ditta Miles, ha mandato nei giorni scorsi una missiva in cui annunciava he due dei suoi dipendenti si erano dimessi e che quindi alcune parti della scuola non sarebbero state più di sua competenza!

Invece di reintegrare con altro personale quello mancante la suddetta ditta informa che non provvederà più a pulire alcune zone della scuola? Nonostante ripetuti solleciti da parte del dirigente scolastico la situazione è rimasta invariata e quindi le condizioni della scuola , affidata alle "cure di soli due addetti, sono rapidamente peggiorate. Purtroppo la competenza è del Ministero della Pubblica istruzione che per ora non è intervenuto in modo efficace, grazie all'intervento del Comune per oggi pomeriggio è stata predisposta una pulizia straordinaria della scuola che consentirà ai bambini di andare a scuola almeno per i prossimi giorni ma che non può essere ovviamente risolutiva dato che appunto si è trattato di un intervento straordinario. L'appalto pare abbia un valore di circa 120.000 euro e sembra davvero assurdo che si debba pagare a fronte di un'assenza del servizio.

Naturalmente fin troppo ovvie sono le considerazioni sul diritto allo studio dei nostri figli nonchè del diritto alla salute che , in una scuola in queste condizioni , non può essere garantito. nessuno si prende la responsabilità di chiudere la scuola e la scelta rimane alle singole famiglie. Possibile che una volta che una ditta vince un appalto pubblico non c'è modo di rescindere l'incarico nonostante gravi e ripetute inadempienze?Qui si parla di armadietti mai spolverati , di bagni in condizioni pietose , per non parlare dei pavimenti e dei vetri, cioè uno sporco accumulato nei mesi.

Aspettiamo di verificare nei prossimi giorni la situazione ma se dovesse continuare anche noi genitori continueremo la nostra protesta in modo pubblico. Sicuro di un vostro interessamento e di un vostro cortese riscontro, porgo cordiali saluti Antonio Canta (il messaggero 3 marzo 2010)