ASILO CIP E CIOP: I FILMATI FUGANO OGNI DUBBIO E DOVREBBERO ESSERE MOSTRATI IN TV

 Guarda alcune immagini del video della procura

Di Roberta Lerici

La cattiveria estrema esiste, e può albergare anche in una apparentemente innocua maestra.Questo ci dicono i filmati della polizia all'asilo Cip e Ciop. Se non ci fossero,  assiteremmo al solito coro di "i genitori esagerano, i bambini sono fantasiosi, le maestre sono persone meravigliose, quell'asilo è il migliore della città".Nonostante l'esistenza dei video dell'orrore, però, qualcuno ha scritto fra i commenti agli articoli sui vari siti, che "forse i gesti delle maestre sono stati male interpretati".Siccome non sono pochi, i commenti di questo tenore, penso sia stato giusto mostrare qualche secondo di questo video in televisione,  in un orario di massimo ascolto,con i volti dei bambini opportunemente oscurati . Il brevissimo filmato mostrato dal TG1, è già molto eloquente. Vorrei che tutti capissero che il male esiste, e nelle sue forme più orrende, appartiene anche agli uomini insospettabili.Se quei video non ci fossero, oggi certamente ci sarebbe qualcuno a manifestare sotto il carcere di Sollicciano, chiedendo la scarcerazione delle due maestre, "ingiustamente accusate".

Botte all'asilo, la furia dei genitori

 

La visione dei filmati della Questura fuga tutte le perplessità di mamme e papà dopo l'arresto delle due educatrici. Ed è forte il loro shock nell'osservare i loro bambini malmenati dalle maestre, capelli tirati, costretti a mangiare il loro vomito. Un lager, l'asilo nido "Cip-Ciop" di Pistoia, struttura privata accreditata dal Comune due mesi fa. Il Comune annuncia: 'Ci costituiremo parte civile' dall'inviato Laura Montanari Le immagini sono così dure da far piangere e gridare i genitori che escono dalla stanza del sostituto procuratore Ornella Galeotti. Uno shock. Tremano, hanno loro addosso la paura. «La mia bambina cercava di ribellarsi, non voleva mangiare alle dieci e mezzo del mattino, la maestra le tirava i capelli per dieci minuti, capite? Dieci minuti e le cacciava il cibo in bocca ingozzandola. Le spingeva la testa all´indietro sul seggiolone, le pigiava la mano sulle labbra quella schifosa e ora so perché la mia bambina che ha 14 mesi piange se vede qualcuno se si avvicina con un cucchiaino e so perché non vuole più mangiare, le fa terrore il cucchiaio ed è così piccola che non me lo poteva nemmeno dire... «. Le lacrime non sono una liberazione, ma una necessità improvvisa come la rabbia: «Perché il Comune non hanno controllato? Adesso mi devono dare una psicologa per mia figlia... «. I quattro genitori che ieri pomeriggio erano in procura a Pistoia hanno appena guardato le immagini registrate dalle telecamere messe dagli investigatori nell´asilo «Cip Ciop» di Pistoia dove sono state arrestate la direttrice, Anna Laura Scuderi di 41 anni (di Quarrata) e un´altra insegnante Elena Pesce di 28 anni. Per entrambe l´accusa è di maltrattamenti. AUDIO Mamma: "Capisco perché la mia piccola non mangia" AUDIO Genitori sotto shock dopo la visione dei filmati AUDIO "Orrore in video" | Una mamma solidale con le maestre GUARDA L'asilo «Quella non è una donna, è una bestia - grida la mamma appena uscita col marito dalla procura. Ha in tasca il dischetto che rivela quello che succedeva dentro il «Cip Ciop» appena si chiudevano le porte e i bambini restavano soli con le educatrici. «Alle mamme che pensano che la polizia abbia sbagliato ad arrestare la Scuderi e la Pesce - grida un genitore - dico di guardare quelle immagini: era un lager non un asilo». Era una prigione, non «Il giardino dell´infanzia» come porta la rassicurante scritta all´ingresso. In questa inchiesta sono le immagini più potenti delle testimonianze. Bastano dieci giorni di registrazioni a raccontare gli orrori quotidiani in quell´asilo: schiaffi, castighi, un bambino che viene preso e spinto a terra vicino alle scale, un altro picchiato perché ha vomitato, si vede la maestra gli dà un ceffone nell´atrio e lui che cade per terra su quella chiazza, lei che lo rialza con forza scuotendolo per un braccio. Si vede un bambino faccia al muro in castigo, solo su un seggiolone mentre gli altri giocano. In un altro spezzone c´è un piccolo che prende una decina di schiaffi perché rifiuta il cibo. E poi le testimonianze dei genitori che adesso si fanno coraggio e chiamano la questura (una decina anche ieri) per quei sospetti mai confessati, per quei risvegli notturni dei bambini sudati, in lacrime: «Mia figlia quanto tornava dall´asilo chiudeva la bambola nell´armadio» riferisce una signora che va alla polizia e racconta che la piccola non diceva niente, ma al fratello più grande ha confessato: «la maestra fa così». Due stanze, un ingresso, una cucina, un piccolo giardino con qualche tiglio intorno e un cancello giallo allegro, di quelli che invogliano a entrare: «Cip Ciop» è chiuso e le famiglie adesso dovranno sistemare altrove i figli. La procura ieri ha interrogato a lungo la cuoca, poi ha informato dei maltrattamenti i genitori di due bambini che sono stati particolarmente tartassati dalle insegnanti. Pochi minuti per affacciarsi alla violenza delle immagini e le loro facce raccontano tutto. Una giovanissima mamma allunga il passo in piazza Duomo stringendo in braccio il figlio di 10 mesi: nessuna parola, solo due lacrime rapide e profonde. Il marito invece si ferma: è una furia di disperazione, grida, smania, non ha un posto dove stare: «O fanno giustizia o ce la facciamo da soli. Ho visto la maestra che dava le botte in testa al mio bambino: lui guardava gli altri. Lo maltrattava, non schiaffi, ceffoni, lo strattonava per mangiare, lo prendeva come un sacco, un sacco il mio figliolo e l´ha rinchiuso in un´altra stanza. Quale legge mi vieta di vendicarmi? Amo mio figlio più della mia vita...Io spero tanto che le diano l´ergastolo a quella maestra. Sono un operaio, ho ventuno anni, mia moglie ne ha venti, abbiamo fatto sacrifici per permetterci un asilo privato, 250 euro al mese per mezza giornata e guardate come trattavano mio figlio...». (la Repubblica 04 dicembre 2009)