Abusi su alunno, scuola del ghetto: Professore della"Sacerdoti" rischia fino a 12 anni

 

http://www.viaggiscoop.it/foto/2240/5376/46452.jpg

Note di R.Lerici: Anche in questo caso, l'insegnante è rimasto in servizio nonostante fosse sotto processo, in quanto la scuola non conosceva la Circolare 72 del 19 dicembre 2006 . L'insegnante sotto processo per pedofilia, doveva essere sospeso a scopo cautelare.

Abusi sull'alunno, professore a processo 

RISCHIA fino a 12 anni di reclusione l' insegnante di 34 anni che nel 2006 avrebbe usato violenza su un bambino di 11 anni «affidato alla sue cure». Ieri doveva testimoniare al processo che lo vede imputato: era assente perché «indisposto». L' uomo all' epoca dei fatti insegnava alla scuola Angelo Sacerdoti, nel cuore del ghetto: «in questa scuola insegna ancora: anzi, da precario che era, è diventato di ruolo» spiega il suo avvocato Luigi Scialla. «La legge non permette di allontanare un docente prima che vengano accertate le sue reali responsabilità» ribatte però il presidente della comunità ebraica di Roma Ricinsieme ai suoi amici», continua l' avvocato Scialla, «nascono da lì le sue accuse. Del tutto infondate».

 

«Le affermazioni della difesa sono inconsistenti e già smentite» rispondono gli avvocati del ragazzo, Angela Leonardi e Jennifer Palombaro. Il pm ha depositato la consulenza della dottoressa Angela Giganti, che ha trovato il bambino «assolutamente attendibile sotto il profilo psicologico: ha avuto la vita sconvolta da quegli episodi», cinque in tutto, che si sarebbero consumati in diversi locali della scuola. La difesa si è invece avvalsa della perizia dello psichiatra Carlo Saraceni e della psicologa Anna Cipriani. La prossima udienza si terrà il 23 febbraio. cardo Pacifici, ieri in udienza per «testimoniare la vicinanza della comunità alla famiglia». Gli articoli del codice penale con cui il pm Gianfederica Dito ha chiesto il rinvio a giudizio dell' insegnante sono il 609 bis, ter, quater: violenza sessuale con circostanze aggravanti e atti sessuali con minorenne. La difesa dipinge il ragazzo come «instabile, con disturbi caratteriali fin dalle elementari. Quando è passato alle medie, voleva essere assegnato a un' altra sezione.  RORY CAPPELLI

 Repubblica — 25 novembre 2009   pagina 11   sezione: ROMA