PEDOFILIA, ALESSANDRO RIVA: PENA RIDOTTA IN APPELLO

Alessandro Riva      

Ridotta in appello la condanna per violenza sessuale su cinque bambine. Nove anni la condanna inflitta in primo grado,  sei e mezzo in appello.

Dunque, la tesi del contagio fra le cinque bambine e le maestre della scuola che avevano raccolto la loro confessione, non è passata neppure in appello. Ricordo che ad Alessandro Riva è stata tolta anche la patria potestà sulle sue due bambine. A nulla è valso chiamare  un avvocato esperto come Guglielmo Gullotta, ad affiancare un principe del foro come Gentiloni Silverij. L'Avvocato Gullotta, nell'ultimo anno, adottando la stessa linea difensiva (quella del contagio fra le vittime), ha perduto anche con il professore dell'ospedale San Pietro di Roma che violentava le sue pazienti,  condannato lo scorso anno. Adesso vedremo quale esito avrà la stessa tesi difensiva, nel processo a Suor Soledad che è accusata di abusi su 27 bambini dell'asilo di Vallo della Lucania.Una curiosità: l'avvocato Gullotta, parlando del caso di Rignano Flaminio, disse che si era di fronte a un caso di contagio fra genitori o isteria collettiva. 

Pena ridotta al critico d'arte

 È stato condannato a sei anni e mezzo di reclusione per violenza sessuale su minori il critico d'arte Alessandro Riva. La sentenza è stata emessa dai giudici della prima sezione della Corte d'Appello di Milano, che hanno ridotto la condanna a nove anni inflitta all'imputato in primo grado. Alessandro Riva, scrittore, giornalista e in passato collaboratore dell'assessorato alla cultura di Milano, era stato arrestato nel giugno del 2007 perchè, secondo l'accusa, avrebbe molestato cinque bambini di 10 anni, compagni di classe della figlia, all'interno della propria abitazione dove i piccoli trascorrevano i pomeriggi. I fatti contestati vanno dal 2002 al 2007. Lo scorso aprile Riva era uscito dal carcere ottenendo gli arresti domiciliari. Di recente il critico d'arte è tornato anche sulla scena milanese come curatore di una mostra. 

Dunque, la tesi del contagio fra le cinque bambine e le maestre della scuola che avevano raccolto la loro confessione non è passata. Ricordo che ad Alessandro Riva è stata tolta anche la patria potestà. A nulla è valso avvalersi di un avvocato esperto come Guglielmo Gullotta, il quale negli ultimi tempi, adottando la stessa linea difensiva (quella del contagio fra le vittime) ha perduto anche con il professore dell'ospedale San Pietro che violentava le sue pazienti, che lo scorso anno è stato condannato. Adesso vedremo quale esito avrà la stessa tesi difensiva, nel processo a Suor Soledad che è accusata di abusi su 27 bambini dell'asilo di Vallo della Lucania.Una curiosità: l'avvocato Gullotta, parlando del caso di Rignano Flaminio, disse che si era di fronte a un caso di contagio o isteria collettiva.

leggo online 20 ottobre 2009

autore R.Lerici-www.bambinicoraggiosi.com