Aule pollaio, sporche e insicure: Iniziativa, "Misuriamoci con la classe"

Indagine di Cittadinanza Attiva su 106 scuole in 11 regioni.

 

http://files.splinder.com/bf7860b29102d496bff6d0992d11ef94.jpeg

 

MISURA QUI LA TUA CLASSE

di Maristella Iervasi

Nelle aule crolla l'intonaco, nei bagni manca il sapone, una scuola su tre è senza palestra, prese e interruttori sono divelti, non ci sono tende o persiane che riparino dal sole, le barriere architettoniche sono un limite in 12 aule su 100 e il 54% delle scuole è costruito in zona a rischio sismico. È quanto emerge dal Rapporto Impararesicuri 2009 di Cittadinanzattiva su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici.

L'indagine presentata a Roma ha coinvolto 106 scuole di 11 regioni. Nel 17% delle aule crolla l'intonaco dalle pareti. In una su 3 le finestre non sono integre e le prese e gli interruttori sono divelti. Solo nel 16% dei casi ci sono porte antipanico, mentre una classe su due non è riparata dal sole con tende o tapparelle, ha armadi e librerie non ancorati alle pareti e spigoli non protetti; in 16 aule su 100 ci sono delle difformità nei pavimenti e in 15 banchi e sedie rotti.

Sicurezza Solo una una scuola su tre ha il certificato di agibilità statica (32%) e una su quattro i certificati di agibilità igienico-sanitaria (26%) e di prevenzione incendi (27%). In tutte le scuole monitorate almeno una volta l'anno vengono fatte le prove di evacuazione.

Vandalismo All'interno degli edifici o appena fuori da scuola sono stati registrati episodi di criminalità (nel 14% dei casi), bullismo (11%) e vandalismo (34%).

Aule fatiscenti Le scuole monitorate hanno denunciato distacchi di intonaco nelle aule (17%), nei laboratori scientifici (16%), nelle palestre (14%), nelle mense (13%), nei bagni (11%) e nelle aule computer (11%). In un'aula su 3 le finestre non sono integre e le prese e gli interruttori sono divelti. Solo nel 16% dei casi ci sono porte antipanico e una classe su due non è riparata dal sole con tende o tapparelle. In 16 aule su 100 ci sono delle difformità nei pavimenti; il 15% denuncia banchi e sedie rotti.

Palestre fantasma o sporche Il 34% delle scuole monitorate non ha una palestra, ambiente che comunque viene definito come
il più sporco (la denuncia parte dal 17% degli istituti) e poco adeguato ai disabili (il 22% presenta barriere architettoniche).
Le altre zone individuate come le più sporche sono i bagni e corridoi (12%), le aule (11%) e le mense (9%).

Poca igiene nei bagni Il sapone manca nel 61% dei casi. Ma sono assenti anche asciugamani usa e getta (69% dei casi),
scopini (45%) e carta igienica (44%).

"Misuriamoci con la classe" E' l'iniziativa di Cittadinanzattiva. Sul sito web è possibile compilare una scheda per verificare l'eventuale sovraffollamento nelle aule italiane. «Al Ministero - ha affermato Adriana Bizzarri, responsabile scuola per
Cittadinazattiva - chiediamo di valutare l'impatto del decreto che innalza il numero minimo e massimo di alunni per classe e, se necessario, di ritirarlo».

fonte