Pedofilia, Civitavecchia: Secondo rinvio a giudizio per il maestro Feoli

    
Sarà chiamato a dover rispondere di nuovo di un'accusa di attenzioni sessuali nei confronti di un minorenne Emanuele Feoli, l'ex maestro dell'istituto Santa Sofia delle suore salesiane. Il venticinquenne, già condannato in primo grado per un altro episodio che ha visto vittima un suo ex alunno di 10 anni, dovrà nuovamente comparire di fronte al gup del tribunale di Civitavecchia ad ottobre.

Il pubblico ministero Edmondo De Gregorio, ha infatti chiuso le indagini preliminari ed ha formalizzato la richiesta di rinvio a giudizio per l'ex insegnante. Questo secondo caso era esploso un anno fa, con l'arresto di Emanuele Feoli, dopo che due responsabili dell'oratorio salesiano di via Buonarroti si erano presentate dai carabinieri affermando che sospettavano che l'ex insegnante avesse intrapreso una sorta di relazione con un ragazzino di 14 anni.

L'indagine portarono ad una serie di riscontri, fatti principalmente di scambio di sms tra i due, alcuni scritti ritrovati in casa dell'ex maestro ed altro. E' stato poi eseguito un incidente probatorio, dove però la presunta vittima ha smentito le accuse nei confronti dell'insegnante. Nonostante questo, il pubblico ministero ha invece deciso di chiedere comunque il rinvio a giudizio per Feoli, e dunque ad ottobre sarà appunto il giudice per le udienze preliminari che dovrà stabilire se il venticinquenne civitavecchiese dovrà subire un nuovo processo o meno.

venerdì 12 giugno 2009 17:12

FONTE