Parabita. Materiale pedopornografico nel pc di Compagnone

11 gennaio 2008


Conclusa la perizia dei carabinieri del Norm

La posizione di Luigi Compagnone, marito di Jole Provenzano, uccisa dalla madre di un bambino che ha dichiarato di essere stato molestato sessualmente dall'uomo, si aggrava. I carabineiri hanno rinvenuto materiale pedopornografico nel suo pc

La perizia compiuta dai carabinieri del Norm di Casarano sul computer di Luigi Compagnone, 81enne di Parabita ferito dalla madre di un bambino che ha dichiarato di aver subito molestie sessuali (la moglie, Jole Provenzano, è invece stata uccisa dalla donna), è stata portata a termine.
Si aggrava la posizione dell'anziano, iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di pedofilia nonostante abbia sempre negato di aver usato particolari attenzioni nei confronti del piccolo.
Dall'analisi del suo computer portatile, infatti, sarebbe spuntato materiale pedopornografico, tra cui immagini e filmati, scaricato da siti frequentati da pedofili anche di altre nazioni europee.
Al momento, l'intero contenuto del computer è all'attento vaglio della magistratura.
Fonte Il tacco d'Italia